#

Giovanna Parato

titolo: Night & Surroundings
Il progetto Night & Surroundings è una critica alla surmodernità (Marc Auge), caratterizzata dalla presenza dei non luoghi, in cui le persone vengono catturate da una serie di attrazioni / distrazioni, perse nei loro transiti senza contatti e relazioni emotive, incentrate solo sul consumismo. Il progetto abbraccia un modo di vivere e di vedere la realtà che rifiuta la staticità, attraverso un'identificazione con la figura del flâneur: seguendo lo slogan "Medium is the Message" (Marshall McLuhan), ho usato un apparecchio a foro stenopeico realizzato con una custodia di un Iphone 4, ricreando una struttura simile a una tradizionale macchina a pellicola. Il progetto gioca su un confronto simbolico tra l'esperienza vissuta da Dante Alighieri nel discendere gli Inferi e quella relativa alla mia personale flânerie notturna, con fotografie prese in diverse città europee come Barcellona, Londra, Brighton, Caserta, Porto, Lisbona e Napoli, per mostrare che l'intero universo metropolitano ha assunto la struttura di un non luogo, dove le persone vanno e vengono alla ricerca di svago. Serendipity è la linea guida del progetto, in una combinazione tra fotografia, sociologia, antropologia e mitologia, per proporre il concetto di non luogo, teorizzato da Marc Auge, in chiave contemporanea attraverso una visione soggettiva dello spazio urbano. Night & Surroundings, 2018 stampa ai sali d’argento.
titolo: Night & Surroundings
Il progetto Night & Surroundings è una critica alla surmodernità (Marc Auge), caratterizzata dalla presenza dei non luoghi, in cui le persone vengono catturate da una serie di attrazioni / distrazioni, perse nei loro transiti senza contatti e relazioni emotive, incentrate solo sul consumismo. Il progetto abbraccia un modo di vivere e di vedere la realtà che rifiuta la staticità, attraverso un'identificazione con la figura del flâneur: seguendo lo slogan "Medium is the Message" (Marshall McLuhan), ho usato un apparecchio a foro stenopeico realizzato con una custodia di un Iphone 4, ricreando una struttura simile a una tradizionale macchina a pellicola. Il progetto gioca su un confronto simbolico tra l'esperienza vissuta da Dante Alighieri nel discendere gli Inferi e quella relativa alla mia personale flânerie notturna, con fotografie prese in diverse città europee come Barcellona, Londra, Brighton, Caserta, Porto, Lisbona e Napoli, per mostrare che l'intero universo metropolitano ha assunto la struttura di un non luogo, dove le persone vanno e vengono alla ricerca di svago. Serendipity è la linea guida del progetto, in una combinazione tra fotografia, sociologia, antropologia e mitologia, per proporre il concetto di non luogo, teorizzato da Marc Auge, in chiave contemporanea attraverso una visione soggettiva dello spazio urbano. Night & Surroundings, 2018 stampa ai sali d’argento.
titolo: Night & Surroundings
Il progetto Night & Surroundings è una critica alla surmodernità (Marc Auge), caratterizzata dalla presenza dei non luoghi, in cui le persone vengono catturate da una serie di attrazioni / distrazioni, perse nei loro transiti senza contatti e relazioni emotive, incentrate solo sul consumismo. Il progetto abbraccia un modo di vivere e di vedere la realtà che rifiuta la staticità, attraverso un'identificazione con la figura del flâneur: seguendo lo slogan "Medium is the Message" (Marshall McLuhan), ho usato un apparecchio a foro stenopeico realizzato con una custodia di un Iphone 4, ricreando una struttura simile a una tradizionale macchina a pellicola. Il progetto gioca su un confronto simbolico tra l'esperienza vissuta da Dante Alighieri nel discendere gli Inferi e quella relativa alla mia personale flânerie notturna, con fotografie prese in diverse città europee come Barcellona, Londra, Brighton, Caserta, Porto, Lisbona e Napoli, per mostrare che l'intero universo metropolitano ha assunto la struttura di un non luogo, dove le persone vanno e vengono alla ricerca di svago. Serendipity è la linea guida del progetto, in una combinazione tra fotografia, sociologia, antropologia e mitologia, per proporre il concetto di non luogo, teorizzato da Marc Auge, in chiave contemporanea attraverso una visione soggettiva dello spazio urbano. Night & Surroundings, 2018 stampa ai sali d’argento.
titolo: Night & Surroundings
Il progetto Night & Surroundings è una critica alla surmodernità (Marc Auge), caratterizzata dalla presenza dei non luoghi, in cui le persone vengono catturate da una serie di attrazioni / distrazioni, perse nei loro transiti senza contatti e relazioni emotive, incentrate solo sul consumismo. Il progetto abbraccia un modo di vivere e di vedere la realtà che rifiuta la staticità, attraverso un'identificazione con la figura del flâneur: seguendo lo slogan "Medium is the Message" (Marshall McLuhan), ho usato un apparecchio a foro stenopeico realizzato con una custodia di un Iphone 4, ricreando una struttura simile a una tradizionale macchina a pellicola. Il progetto gioca su un confronto simbolico tra l'esperienza vissuta da Dante Alighieri nel discendere gli Inferi e quella relativa alla mia personale flânerie notturna, con fotografie prese in diverse città europee come Barcellona, Londra, Brighton, Caserta, Porto, Lisbona e Napoli, per mostrare che l'intero universo metropolitano ha assunto la struttura di un non luogo, dove le persone vanno e vengono alla ricerca di svago. Serendipity è la linea guida del progetto, in una combinazione tra fotografia, sociologia, antropologia e mitologia, per proporre il concetto di non luogo, teorizzato da Marc Auge, in chiave contemporanea attraverso una visione soggettiva dello spazio urbano. Night & Surroundings, 2018 stampa ai sali d’argento.
titolo: Night & Surroundings
Il progetto Night & Surroundings è una critica alla surmodernità (Marc Auge), caratterizzata dalla presenza dei non luoghi, in cui le persone vengono catturate da una serie di attrazioni / distrazioni, perse nei loro transiti senza contatti e relazioni emotive, incentrate solo sul consumismo. Il progetto abbraccia un modo di vivere e di vedere la realtà che rifiuta la staticità, attraverso un'identificazione con la figura del flâneur: seguendo lo slogan "Medium is the Message" (Marshall McLuhan), ho usato un apparecchio a foro stenopeico realizzato con una custodia di un Iphone 4, ricreando una struttura simile a una tradizionale macchina a pellicola. Il progetto gioca su un confronto simbolico tra l'esperienza vissuta da Dante Alighieri nel discendere gli Inferi e quella relativa alla mia personale flânerie notturna, con fotografie prese in diverse città europee come Barcellona, Londra, Brighton, Caserta, Porto, Lisbona e Napoli, per mostrare che l'intero universo metropolitano ha assunto la struttura di un non luogo, dove le persone vanno e vengono alla ricerca di svago. Serendipity è la linea guida del progetto, in una combinazione tra fotografia, sociologia, antropologia e mitologia, per proporre il concetto di non luogo, teorizzato da Marc Auge, in chiave contemporanea attraverso una visione soggettiva dello spazio urbano. Night & Surroundings, 2018 stampa ai sali d’argento.
titolo: Night & Surroundings
Il progetto Night & Surroundings è una critica alla surmodernità (Marc Auge), caratterizzata dalla presenza dei non luoghi, in cui le persone vengono catturate da una serie di attrazioni / distrazioni, perse nei loro transiti senza contatti e relazioni emotive, incentrate solo sul consumismo. Il progetto abbraccia un modo di vivere e di vedere la realtà che rifiuta la staticità, attraverso un'identificazione con la figura del flâneur: seguendo lo slogan "Medium is the Message" (Marshall McLuhan), ho usato un apparecchio a foro stenopeico realizzato con una custodia di un Iphone 4, ricreando una struttura simile a una tradizionale macchina a pellicola. Il progetto gioca su un confronto simbolico tra l'esperienza vissuta da Dante Alighieri nel discendere gli Inferi e quella relativa alla mia personale flânerie notturna, con fotografie prese in diverse città europee come Barcellona, Londra, Brighton, Caserta, Porto, Lisbona e Napoli, per mostrare che l'intero universo metropolitano ha assunto la struttura di un non luogo, dove le persone vanno e vengono alla ricerca di svago. Serendipity è la linea guida del progetto, in una combinazione tra fotografia, sociologia, antropologia e mitologia, per proporre il concetto di non luogo, teorizzato da Marc Auge, in chiave contemporanea attraverso una visione soggettiva dello spazio urbano. Night & Surroundings, 2018 stampa ai sali d’argento.
titolo: Night & Surroundings
Il progetto Night & Surroundings è una critica alla surmodernità (Marc Auge), caratterizzata dalla presenza dei non luoghi, in cui le persone vengono catturate da una serie di attrazioni / distrazioni, perse nei loro transiti senza contatti e relazioni emotive, incentrate solo sul consumismo. Il progetto abbraccia un modo di vivere e di vedere la realtà che rifiuta la staticità, attraverso un'identificazione con la figura del flâneur: seguendo lo slogan "Medium is the Message" (Marshall McLuhan), ho usato un apparecchio a foro stenopeico realizzato con una custodia di un Iphone 4, ricreando una struttura simile a una tradizionale macchina a pellicola. Il progetto gioca su un confronto simbolico tra l'esperienza vissuta da Dante Alighieri nel discendere gli Inferi e quella relativa alla mia personale flânerie notturna, con fotografie prese in diverse città europee come Barcellona, Londra, Brighton, Caserta, Porto, Lisbona e Napoli, per mostrare che l'intero universo metropolitano ha assunto la struttura di un non luogo, dove le persone vanno e vengono alla ricerca di svago. Serendipity è la linea guida del progetto, in una combinazione tra fotografia, sociologia, antropologia e mitologia, per proporre il concetto di non luogo, teorizzato da Marc Auge, in chiave contemporanea attraverso una visione soggettiva dello spazio urbano. Night & Surroundings, 2018 stampa ai sali d’argento.
titolo: Night & Surroundings
Il progetto Night & Surroundings è una critica alla surmodernità (Marc Auge), caratterizzata dalla presenza dei non luoghi, in cui le persone vengono catturate da una serie di attrazioni / distrazioni, perse nei loro transiti senza contatti e relazioni emotive, incentrate solo sul consumismo. Il progetto abbraccia un modo di vivere e di vedere la realtà che rifiuta la staticità, attraverso un'identificazione con la figura del flâneur: seguendo lo slogan "Medium is the Message" (Marshall McLuhan), ho usato un apparecchio a foro stenopeico realizzato con una custodia di un Iphone 4, ricreando una struttura simile a una tradizionale macchina a pellicola. Il progetto gioca su un confronto simbolico tra l'esperienza vissuta da Dante Alighieri nel discendere gli Inferi e quella relativa alla mia personale flânerie notturna, con fotografie prese in diverse città europee come Barcellona, Londra, Brighton, Caserta, Porto, Lisbona e Napoli, per mostrare che l'intero universo metropolitano ha assunto la struttura di un non luogo, dove le persone vanno e vengono alla ricerca di svago. Serendipity è la linea guida del progetto, in una combinazione tra fotografia, sociologia, antropologia e mitologia, per proporre il concetto di non luogo, teorizzato da Marc Auge, in chiave contemporanea attraverso una visione soggettiva dello spazio urbano. Night & Surroundings, 2018 stampa ai sali d’argento.
titolo: Night & Surroundings
Il progetto Night & Surroundings è una critica alla surmodernità (Marc Auge), caratterizzata dalla presenza dei non luoghi, in cui le persone vengono catturate da una serie di attrazioni / distrazioni, perse nei loro transiti senza contatti e relazioni emotive, incentrate solo sul consumismo. Il progetto abbraccia un modo di vivere e di vedere la realtà che rifiuta la staticità, attraverso un'identificazione con la figura del flâneur: seguendo lo slogan "Medium is the Message" (Marshall McLuhan), ho usato un apparecchio a foro stenopeico realizzato con una custodia di un Iphone 4, ricreando una struttura simile a una tradizionale macchina a pellicola. Il progetto gioca su un confronto simbolico tra l'esperienza vissuta da Dante Alighieri nel discendere gli Inferi e quella relativa alla mia personale flânerie notturna, con fotografie prese in diverse città europee come Barcellona, Londra, Brighton, Caserta, Porto, Lisbona e Napoli, per mostrare che l'intero universo metropolitano ha assunto la struttura di un non luogo, dove le persone vanno e vengono alla ricerca di svago. Serendipity è la linea guida del progetto, in una combinazione tra fotografia, sociologia, antropologia e mitologia, per proporre il concetto di non luogo, teorizzato da Marc Auge, in chiave contemporanea attraverso una visione soggettiva dello spazio urbano. Night & Surroundings, 2018 stampa ai sali d’argento.
titolo: Night & Surroundings
Il progetto Night & Surroundings è una critica alla surmodernità (Marc Auge), caratterizzata dalla presenza dei non luoghi, in cui le persone vengono catturate da una serie di attrazioni / distrazioni, perse nei loro transiti senza contatti e relazioni emotive, incentrate solo sul consumismo. Il progetto abbraccia un modo di vivere e di vedere la realtà che rifiuta la staticità, attraverso un'identificazione con la figura del flâneur: seguendo lo slogan "Medium is the Message" (Marshall McLuhan), ho usato un apparecchio a foro stenopeico realizzato con una custodia di un Iphone 4, ricreando una struttura simile a una tradizionale macchina a pellicola. Il progetto gioca su un confronto simbolico tra l'esperienza vissuta da Dante Alighieri nel discendere gli Inferi e quella relativa alla mia personale flânerie notturna, con fotografie prese in diverse città europee come Barcellona, Londra, Brighton, Caserta, Porto, Lisbona e Napoli, per mostrare che l'intero universo metropolitano ha assunto la struttura di un non luogo, dove le persone vanno e vengono alla ricerca di svago. Serendipity è la linea guida del progetto, in una combinazione tra fotografia, sociologia, antropologia e mitologia, per proporre il concetto di non luogo, teorizzato da Marc Auge, in chiave contemporanea attraverso una visione soggettiva dello spazio urbano. Night & Surroundings, 2018 stampa ai sali d’argento.